Titolo del Film

NESSUN FUOCO NESSUN LUOGO

scheda
 
Regia
Carla Grippa Marco Bertora
 
Produzione
Associazione culturale Laboratorio Probabile Bellamy
 
Durata
1h 16'
 
Anno
2015
 
Condividi
 

 

vota
86 voti
Ti è piaciuto il documentario?

Cliccando il pulsante VOTA sceglierai uno dei tuoi tre documentari preferiti del concorso.


Torna indietro  Vota
"Nella consuetudine di una città che vive una delle sue solite giornate, si snodano le vite di otto persone.
Vite di strada, vite lente. Per chi non ha un posto dove stare, né un lavoro da svolgere, c’è il tempo da affrontare.
Un cammino quotidiano e costante verso gli stessi luoghi (la stazione, la biblioteca, i sagrati delle chiese), compiendo instancabilmente gli stessi fondamentali riti nell’attesa che l’orologio inesorabile avanzi.
Il tempo c'è, sempre : c'è per bere, per mangiare, per cantare, per lavarsi, per compiere ogni gesto, anche il più privato, sotto sguardo, subito distolto, di chi passa vicino e di tempo non ne ha.
Otto vite diverse, otto storie diverse, accomunate da un ininterrotto percorso di strada che ogni tanto si affronta assieme, a volte in coppia, spesso da soli.
Ma dove la città finalmente finisce, dove oltre non si puo' più camminare c'è un posto in cui ognuno è sdraiato per terra, dove è più facile confondersi e per una volta godere nel non essere visti, perchè altri hanno forse il loro pezzetto di città, ma il mare, si sa, è di tutti."

 

 


Carla Grippa e Marco Bertora collaborano dal 2008 alla realizzazione di documenti audio-visivi, legati dalla comune passione per l’arte cinematografica.
Un legame ripartito su diversi percorsi formativi e professionali che ne diversificano le competenze:
Carla Grippa è operatrice di ripresa. Da nove anni lavora nel settore della produzione audiovisiva sia televisiva (RAI, Sky) che cinematografica come operatore e tecnico.
Marco Bertora, laureato nel 2010 presso la facoltà di Scienze della Formazione di Genova con una tesi di ricerca in Antropologia culturale e visuale, grazie alla passione per la narrazione filmica ha scelto di approfondire l’aspetto registico e progettuale del video.
Uniti dal comune interesse per l’immagine e per l’indagine socio-culturale, il loro obiettivo è lavorare in maniera integrata sul territorio, con progetti che permettano di riflettere su esiti e percorsi della trasformazione urbana e sociale.

“Iolandia” (Menzione Migranti al Visioni Fuori Raccordo Festival, Roma 2008, e Premio del Pubblico al Genova Film festival 2009)
“Il caso Diga” (prodotto e finanziato dal comune di Genova in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Urbanistica INU, 2009, è un'indagine sulla costruzione e la percezione degli abitanti della Diga di Begato)

“Per vie traverse. Racconti dal Ghetto di Croce Bianca” (documentario di ricerca realizzato nel 2010 che indaga la maniera in cui il territorio urbano dentro il quale l’uomo sceglie (o non sceglie) di abitare influenzi profondamente le relazioni che quest’ultimo si trova a condurre e approfondisce tutti gli aspetti socio-architettonici di una zona ben definita e delimitata, nella necessità di un continuo confronto e dialogo fra il territorio e i suoi abitanti).
“Tunis après degagè” (prodotto da Ghett'up nel maggio 2011 e realizzato a Tunisi in occasione delle manifestazioni per la caduta del regime dittatoriale di Ben Ali)
“Nessun fuoco nessun luogo” (film documentario realizzato dal 2012 al 2015, con il sostegno di Caritas Italiana, Caritas Diocessna di Genova, Università degli studi di Genova , in collaborazione con l'Associazione Laboratorio Probabile Bellamy, racconta con intimità la quotidianità della persone senza fissa dimora).
Ideato da
pulsemedia
Promosso da
kaleidoscope
ucca
Comune di Modena
Con il contributo di
Fondazione cassa di risparmio di modena
Media Partners
cinemaitaliano