Titolo del Film

A PROPOSITO DI FRANCO

scheda
 
Regia
Gaetano Di Lorenzo
 
Produzione
Associazione Arknoah
 
Durata
1h 11'
 
Anno
2015
 
Condividi
 

 

vota
214 voti
Ti è piaciuto il documentario?

Cliccando il pulsante VOTA sceglierai uno dei tuoi tre documentari preferiti del concorso.


Torna indietro  Vota
Dagli esordi ai film della maturità, dagli ideali politici alla vita privata, il documentario di Gaetano Di Lorenzo esplora l’universo Indovina con l’aiuto di una lunga serie di interventi autorevoli (familiari, amici, collaboratori, critici cinematografici) e di materiale di repertorio proveniente da Istituto Luce, Teche Rai, Centro Sperimentale di Cinematografia, Mediaset, Archivio storico del cinema italiano, Piccolo Teatro di Milano, Teatro Massimo di Palermo, Associazione Michelangelo Antonioni e altri fondi privati.
Il racconto procede in ordine cronologico, nel tentativo di ricostruire con rigore filologico ed umana empatia la vita e le opere del nostro, mai finora protagonista di studi retrospettivi e specialistici.
Interviste e materiali d’epoca saranno intervallati da segmenti di fiction avente ad oggetto una breve ricostruzione d’epoca, ricostruzione nella quale è evocato l’ultimo viaggio di Indovina, ovvero la corsa in auto del 5 maggio 1972 per raggiungere l’aeroporto di Fiumicino.
Altre riprese in esterni sono state realizzate a Palermo e a Roma, i due “poli” privati e professionali della vita di Franco Indovina.

 

 


Gaetano Di Lorenzo si forma sul campo come filmaker indipendente producendo e dirigendo diversi documentari e cortometraggi che analizzano il tessuto sociale e i fatti storici della Sicilia. Nel 2000, con “I gitani della mia città”, ambientato nel campo nomadi della Favorita a Palermo, vince il primo premio come miglior documentario al Festival “Prima Aziz”. Il suo “C’è molto da aspettare” (2003), ambientato un salone di barbieri, si classifica al 1° posto come miglior cortometraggio al festival Visionaria di Siena e a Un mare di corti di San Vito Lo Capo. Nel 2004 realizza il corto “Racconto di un successo”, dove si celebra la carriera del cantante neomelodico Enzo Scugnizzo. L’opera viene selezionata per il Festival Visioni Italiane di Bologna e vince il Premio Cinit a Eolie in Video di Lipari. Nel 2006 è la volta di “Miracolo a Ballarò”, la storia di un miracolato e della sua famiglia, con cui vince lo Zabut Film Festival, il Collecchio Video Film ed il Premio MINI support cinema a Eolie in Video. Nel 2009 realizza un documentario sull’Arte contemporanea in Sicilia dal titolo “Lo spirito del tempo” e nel 2010 il documentario che racconta la vita del pugile Pino Leto, Campione Europeo, dal titolo “Miricano – dalla strada al ring”. Ulteriori riconoscimenti nel 2012 raccoglie il cortometraggio a soggetto “L’Oro di Nicola”. Nel 2010 il Museo del cinema di Torino gli dedica una retrospettiva che poi viene proiettata anche a Parigi. Per seguire la passione cinematografica e potersi autoprodurre i film – tutti incentrati sulla memoria storica della Sicilia - lavora come cameriere in un noto bar di Palermo.

2000 - I Gitani della mia città
2001 – L’ uomo del ghiaccio
2001 – La vita è un ricordo
2002 – Ai margini del cielo
2003- C’è molto da aspettare
2004 – Racconto di un successo
2004 – Due fili d’ amore
2005 – Come una radio
2006 – Miracolo a Ballarò
2007 – Gli ultimi Re della Vucciria
2008 – Fuggire d’amore
2009 – Lo spirito del tempo
2010 – Miricano – dalla strada al ring
2011- Sulla strada di Abibata
2012- L’oro di Nicola
2013- Nel mare
2013- Vicolo d’amore
2014- Onirika
2014- L’uomo dello spettacolo
2015- A proposito di Franco
2015- Nell’aria
Ideato da
pulsemedia
Promosso da
kaleidoscope
ucca
Comune di Modena
Con il contributo di
Fondazione cassa di risparmio di modena
Media Partners
cinemaitaliano